Attualità - Ultime Notizie di Rieti e della Sabina

Come ricostruire la Basilica di San Benedetto a Norcia. Sergio Recchi scrive al Vescovo Boccardo

BasilicaLa seguente lettera viene inviata con questo mezzo perché da molto tempo mi è stato inibito l'accesso alla mail dell'Arcidiocesi di Spoleto:

All'attenzione di S. E. l'Arcivescovo di SPOLETO-Norcia Renato Boccardo:

Eccellenza,
La continua Sua presenza a Norcia dal il terremoto in poi testimonia la Sua la Sua vicinanza alla nostra città. Lei pur avendo molti impegni, anche di altro genere con tutta la Sua vasta Arcidiocesi, non ci ha abbandonati un giorno. La sua continua presenza fra noi è dovuta soprattutto agli oneri di rappresentanza perché quasi giornalmente lì si tengono importanti cerimonie e meeting con presenza di giornalisti e mezzi di informazioni più diversi, in particolare TV, Lei in quanto pastore della Diocesi, ha sempre aderito benevolmente alle interviste tendenti a conoscere il suo parere sui vari temi ma in particolare sul sisma e sul come ricostruire le numerose Chiese abbattute feralmente dal terremoto. Ovviamente le maggiori domande dei giornalisti riguardano il come ricostruire la Basilica di San Benedetto che,purtroppo,è divenuta l'icona della tragedia. La Basilica, insieme a quasi tutte le altre Chiese abbattute, erano il simbolo della fede, della cultura, e soprattutto della memoria dei nostri avi che, chissà con quanti sacrifici, vollero lasciare quei tesori alle successive generazioni e quindi anche a noi. Lei non ha avuto riserve ed ha esplicitato, i suoi voleri in quanto rappresentante della proprietà dei beni, cioè della Arcidiocesi di SPOLETO-Norcia, da Lei egregiamente diretta.
Ovviamente, in quanto proprietario, Lei. non ha ritenuto di condividere con nessuno le sue idee. Ne ha il diritto!
Peccato che le Sue uscite hanno scatenato la popolazione di Norcia e non solo, per la mancata richiesta di pareri e di proposte preventive in merito. La mancanza di rispetto nei Suoi confronti ha raggiunto limiti inaccettabili! Neanche il rispetto per la Sua autorità!
L'ignorante popolazione si è fatta invece convincere da qualche giornalista da strapazzo! Per esempio Le allego le dichiarazioni di quel pupo del figlio del grande giornalista TV Piero Angela nel servizio andato in onda il 6 u.s. nella trasmissione "Ulisse - il piacere della scoperta" Qui di seguito Le ripropongo il servizio televisivo preceduto da un articolo di un noto giornalista sui media regionali:

· 

Michele Sanvico
Ieri alle 20:21 ·
ANCHE ALBERTO ANGELA SI SCHIERA CONTRO LA RICOSTRUZIONE DELLA BASILICA DI SAN BENEDETTO IN STILE MODERNO: ECCO LE SUE PAROLE

Il giornalista e divulgatore Alberto Angela, nel corso della puntata di “Ulisse - Il piacere della scoperta” dal titolo “Un patrimonio da difendere” trasmessa da RAI3 nella serata di sabato 6 maggio 2017, ha voluto lanciare un chiaro messaggio su come si possa e si debba ricostruire la Basilica di San Benedetto a Norcia, danneggiata dal terremoto del 30 ottobre scorso: occorre seguire il modello di ricostruzione già utilizzato dopo il terremoto del 1997 per la Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi.

Parlando di fronte alla facciata della Basilica oggi sorretta dai ponteggi, l'autore televisivo, seppure con il consueto garbo e lo stile che da sempre caratterizza la sua conduzione, ha utilizzato parole eloquenti, che così riportiamo:

«Tutti noi, quando vediamo scene di questo tipo, ci chiediamo se sia mai possibile riuscire a dare un futuro a qualcosa di così bello, a un capolavoro del nostro patrimonio. Ebbene, una risposta forse la possiamo dare, facendo naturalmente le dovute differenze, con un'altra Basilica gravemente danneggiata all'incirca venti anni fa: era il 1997 quando un altro terremoto provocò dei danni ingenti alla Basilica di San Francesco, ad Assisi. E anche allora tutti si chiedevano “sarà mai possibile ridare nuova vita a questi capolavori e a questa Basilica?” Ebbene, noi in passato eravamo andati a vedere quale sia stata la tecnica e la strategia per far ritornare in vita un'antica bellezza devastata. Non si è solo riparato, restaurato: si è anche fatto in modo che tutto questo non possa più accadere nuovamente. Un vero capolavoro di restauro, di consolidamento, di protezione di un capolavoro antico di secoli».

Dopo avere mostrato le tecniche di restauro e di consolidamento antisismico utilizzate per la Basilica di Assisi, nella parte finale del servizio Alberto Angela ha pronunciato parole inequivocabili:

«L'Italia ha un patrimonio straordinario, frutto del passato e dell'intelligenza di chi ha saputo traghettarlo nel corso dei secoli. Ed è purtroppo estremamente vulnerabile - certo
, ai terremoti - ma anche a vandali, saccheggiatori, persone senza scrupoli, e a tante altre aggressioni che lo mettono in pericolo. Dostoevskij scrisse una frase molto bella: disse "la bellezza salverà il mondo". Ma di fronte a questi scenari, noi ci chiediamo "sì, ma chi salverà la bellezza?"».

La risposta si trova, ancora una volta, nella parole conclusive di Alberto Angela: «È un compito nostro quello di salvare questa bellezza. E lo dobbiamo per le generazioni che sono venute prima di noi, e per quelle che ancora debbono venire».

Ed è per questo che dovremo lottare in ogni sede e con ogni mezzo per impedire che la Basilica di San Benedetto a Norcia venga ricostruita così come vorrebbero gli speculatori: nuova, moderna, progettata con un concorso internazionale di archistar.

Lo dobbiamo ai nostri avi, lo dobbiamo ai nostri figli. E lo dobbiamo anche a noi stessi.

https://youtu.be/PlpHVPfp0e8

===================================================
Ecco che, dopo aver visto la trasmissione mi sono posto varie domande: 

Ma è è proprio vero che l'Arcidiocesi, da Lei felicemente rappresentata, è la proprietaria dei beni in parola? Mi sono risposto: si, giuridicamente, ma non moralmente: tali beni appartengono agli eredi dei nostri avi, cioè ai cittadini di Norcia! E allora il Buon Pastore, può e deve guidarli, ma su certi temi non può decidere di comportarsi a sua discrezione senza alcun confronto con gli eredi morali dei beni! Lo esigono la democrazia e il buon senso, che forse nella Chiesa non sono praticati. Nulla da obiettare sui temi teologici e religiosi ma sui problemi "materiali Lei può e deve ascoltare il suo gregge!!! E questo noi vogliamo e non arretreremo di un millimetro! Eviti i commenti comprensibilmente rancorosi della gente e compia il Suo lavoro secondo come Le sarà stato insegnato: amore, misericordia e comprensione. Comprensione, soprattutto, delle esigenze degli altri. Cioè di noi che, nostro malgrado, saremo costretti ad intraprendere tutte le iniziative a difesa della nostra storia, delle nostre tradizioni e della cultura della quale siamo imbevuti. I commenti fatti finora da stampa e TV, ,come sopra riportato, non sono affatto piacevoli per Lei. Ha mai riflettuto all'aborto (mi scusi la parola) di una ricostruzione secondo i Suoi desiderata? Circolano anche delle immagini fotografiche (per fortuna solo costruite al computer) aberranti e sconvolgenti di quello che potrebbe diventare l'esterno della Basilica e dell'intera Piazza. In verità so che l'esterno, bontà Sua, dovrebbe rimanere quello che fortunatamente ancora è. E l'interno? Lei ha dichiarato di volere una Basilica con misto di antico e di moderno (sai che minestra!!) "che diventi motivo di ATTRAZIONE (!!!!) per il turismo internazionale!!. No! tante grazie!, Il turista, soprattutto quello estero, vuole vedere i nostri tesori artistici dei quali per fortuna l'Italia abbonda! Se l'immagina cosa potrebbe accadere alla nostra economia che, con le sue idee, inevitabilmente subirà il calo del turismo anche internazionale? I turisti, non avendo più alcun interesse a visitare Norcia potranno acquistare i nostri celebri prodotti anche altrove. E le conseguenze per le attività ricettive?
Un'ultima cosa: eviti con i cari Monaci Benedettini di fare il bis con quanto accaduto 2 anni fa con quelli di S. Eutizio da Lei cacciati dell'Abbazia di S. Eutizio! Lasci a quelli di Norcia il loro il convento perché lo possano utilizzarlo come fatto fino al terremoto (fra l'altro si potrebbe rischiare che l'Imprenditore Cucinelli rinunci alla sua proposta di ristrutturarlo tutto a proprie spese). S. Benedetto è nato lì, non dove Lei vorrebbe che i Monaci andassero a vivere. Il Suo appartamento, non necessario perché Spoleto si raggiunge con un comoda strada in poco più di mezz'ora, può eventualmente trovarlo altrove. Tanto Le dovevo anche a nome dei miei concittadini!

Distinti saluti
SERGIO RECCHI - NORCIA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Calendario Eventi

 ◄◄ 
 ◄ 
 ►► 
 ► 
Luglio 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Ultime Notizie

IMAGE Monterotondo Scalo: Periferica 2017
PERIFERICA 2017 – Music & Culture Festival tre giorni di musica alle porte della Capitale, dal 14 al 16 luglio 2017 dalle H 17.30, a...
IMAGE LA VISIONE DI SAN FELICE DA CANTALICE NELLA CHIESA DEI CAPPUCCINI DI PALESTRINA
Si può ben affermare che Palestrina, soggetta per secoli ai Colonna e dal 1630 confluita nei possedimenti Barberini, sia stata innanzitutto un feudo...
IMAGE SABINA DI NUOVO IN EDICOLA
SABINA è finalmente ritornata tra noi con importanti novità, in primis la fusione con la più antica testata della Sabina, quella del 1923 firmata...
IMAGE UN ANNO A PASSO CRESE
                 (Alcune) COLLEGHE:...
IMAGE Al via la VI edizione del Festival dei Castelli Romani
Marco Conidi Band (Orchestraccia) e Ilenia Volpe tra gli ospiti musicali  Padrino della manifestazione: Cesareo degli Elio ELST   Andrà in...
IMAGE La Bada Nazionale Garibaldina lancia la IV edizione del concorso di composizione
Antichissima, - la sua data di fondazione risale addirittura al 1592 - infarcita di talenti e molto richiesta, la Banda può vantare un palmares di...
IMAGE METTI UN ANNO SCOLASTICO A PASSO CORESE...
 (Alcune) COLLEGHE:  LUANA Ci conoscemmo in anni tribolati Pochi anni dopo esserci diplomati A Terminillo in quell'ottantanove L'anno in...

La Sabina in Foto

Notizie in breve